Il dovere dell’architettura è quello di non rinunciare a immaginare un futuro migliore.
L’attenzione per il pubblico ed il sociale, per i linguaggi contemporanei e le relative contaminazioni, uniti al confronto con la memoria creano il riferimento per la nostra architettura che si esprime come sperimentazione del reale sul reale. La ricerca progettuale si svolge sulla linea di confine che separa ed unisce il pubblico con il privato, il territorio con la realtà.
L’architettura intesa come "luogo", e non solo come semplice forma, è il risultato dell’incontro tra uomini territorio e città, traducendosi per noi, in una risposta specifica a un contesto specifico.

 

Imm.Spazio architetti Elena Bellini e Filippo Mantovani, si costituisce nel 2004 e opera nel campo della  progettazione architettonica, del paesaggio, del restauro, della pianificazione urbanistica e del design .
La costante ricerca di soluzioni innovative, efficienti sotto il profilo estetico e funzionale, distingue l’attività dello studio, dal progetto a grande scala fino al complemento d'arredo.