lo strippingsezione

lo stripping

Tratto da www.schoolofhandling.com, a cura di Roberta Semenzato:

  "Un bassotto a pelo duro che possiede una buona qualità di pelo e un frequente ricambio sarà sicuramente più facile da mantenere in condizione rispetto ad uno che ha molto sottopelo o che ha un ricambio lento. Influiscono su questi due elementi (durezza e ricambio) oltre che la genetica anche la capacità del toelettatore di capire le caratteristiche di ogni soggetto: alcuni bassotti necessitano di stripping mensili, altri settimanali, altri dovranno essere “accorciati a pelle” prima di raggiungere una buona qualità.

Innanzitutto gli strumenti: come detto i coltellini nuovi ma anche alcuni vecchissimi di alcune marche tendono a tagliare il pelo invece che a strapparlo quindi fate sempre una prova: levate del pelo e controllate se questo viene tagliato o se alla fine di ogni "pelo" è presente il bulbo (segno che il pelo è stato strappato dalla radice). Nella gran parte dei bassotti il manto è molto rado e corto quindi il coltellino è l’unica soluzione, nei casi più estremi invece potete utilizzare le dita, così facendo sarà impossibile tagliare il pelo!

Alzate il pelo e strippate tirando a verso della crescita tutto quel che “spara” e che risulta quindi più lungo del restante, strippate però accertandovi sempre che al di sotto del pelo vecchio ci sia già del pelo nuovo (di ricambio) il quale a sua volta andrà tolto alla prossima strippatura.

Più livelli di crescita avrà il pelo del bassotto che state preparando, più frequente e veloce sarà la crescita e quindi anche la qualità in durezza.

Per il pelo delle culottes e del sottogola potete usare un coltellino con i denti più fitti. Il pelo della grassella invece non va mai tolto perché rischiereste di dare impressione di un corpo levrettato. Ricordatevi che è importante creare un buon ciclo anche sulla coda sopra e sotto.

Al di sotto della linea inferiore il pelo non va lasciato lungo o frangiato, ciò creerebbe l’impressione che state cercando di dare al cane più torace o che gli arti siano troppo lunghi rispetto al corpo: quindi strippate anche questa zona.

Le spalle e lo sterno anch’essi devono essere tenuti molto corti per eccezione della punta di quest’ultimo che può avere un  piccolo ciuffo di peli che ne accentui la presenza. L’unione tra il pelo raso della gola e quello molto più duro del collo deve essere reso graduale con stripping e, vicino all’attaccatura dell’orecchio, con forbici dentate.

Ricordatevi le prime volte di essere molto delicati e pazienti, la vostra calma verrà ripagata dal cane che si lascerà strippare senza fare troppe storie."