Sicurezza Informaticasezione

Sicurezza Informatica


Il panorama degli attacchi di cybersecurity su scala mondiale (e italiana) peggiora di anno in anno. Nel corso del biennio 2017-2019, documenta il Rapporto Clusit 2019 sulla sicurezza ICT in Italia, si è assistito però a un enorme salto di quantità e qualità. “Si è infatti registrato un aumento sia della frequenza degli incidenti sia dell’impatto che tali incidenti hanno avuto sulle organizzazioni colpite”.


Il drive DataTraveler® 2000 di Kingston è stato progettato per garantire la massima sicurezza, grazie alla protezione offerta da un PIN di facile utilizzo: il suo tastierino alfanumerico permette infatti di bloccare il drive tramite l’inserimento di una parola o di una sequenza numerica. L’unità si blocca automaticamente quando viene scollegata da un dispositivo e procede alla cancellazione della chiave crittografica, qualora dovesse registrare 10 tentativi consecutivi di intrusione. La crittografia dati è di tipo hardware Full Disk AES a 256 bit in modalità XTS. Per ottenere il più avanzato livello di sicurezza, la crittografia viene operata nel drive, non nel computer che ospita il drive; inoltre, nel sistema non viene lasciata alcuna traccia del PIN. L’unità DataTraveler 2000 non necessita di un determinato sistema operativo e può essere utilizzata con qualsiasi dispositivo dotato di una porta USB 2.0 o USB 3.1 Gen 1 (USB 3.0). È compatibile con Windows®, Mac OS, Linux, Chrome OS, Android, sistemi integrati e notebook ultrasottili, dal momento che il drive non richiede alcun driver o software. Il suo design resistente protegge il drive da qualsiasi aggressore, compresi acqua e polvere.
• Il tastierino semplifica il bloccaggio del drive
• Crittografia dati basata su hardware con protocollo AES a 256 bit
• Possibilità di utilizzo con qualsiasi dispositivo dotato di porta USB 2.0 o 3.1 Gen 1 (USB 3.0)
• Design robusto che protegge il drive dagli elementi atmosferici

Non proteggere adeguatamente i propri dispositivi può provocare dei danni considerevoli. È quanto conferma una recente ricerca condotta da Kaspersky Lab e B2B International che ha rivelato come nel corso dell’ultimo anno quasi il 45% degli utenti che utilizza Internet abbia subito dei danni per via di software infetti. Nonostante i malware più diffusi operino su sistema operativo Windows, anche chi utilizza Android e Mac OS X non si può ritenere esente da questa minaccia; infatti, il 13% degli utenti Android e il 6% degli utenti Mac OS X ha subito attacchi. Il 30% degli utenti è stato bombardato da pubblicità invasiva e il 20% ha trovato programmi non richiesti sul proprio dispositivo.Tra le conseguenze peggiori si sono rilevate modifiche al browser o alle impostazioni di sistema, la perdita o il furto di dati personali, pubblicazioni non autorizzate sui social e intrusioni nella Webcam. Lo studio ha inoltre evidenziato che l’11% degli intervistati ha pagato i cyber criminali per poter sbloccare il proprio dispositivo oppure per decriptare file personali (6%). In generale, il 33% ha subito perdite finanziarie dovute al ripristino del proprio dispositivo o per essersi dovuti dotare di software che debellasse l’infezione malware, per non parlare di chi è stato costretto a sostituire addirittura il proprio hardware.
La sicurezza informatica si basa su 5 pilastri fondamentali:

Gestione delle politiche e dei controlli

Gestione degli accessi

Protezione delle infrastrutture e dell'hardware

Sicurezza del software e di tutte le applicazioniGestione degli incidenti

Idealmente, ciascuna di queste funzioni dovrebbe essere gestita da un team preposto, ognuno con un responsabile o un coordinatore che fa capo direttamente a un CISO o a un CSO. Ma per le PMI l'impresa è quasi impossibile. Gli attacchi, i furti, i danni che il cybercrimine è in grado di arrecare al business e alla salute stessa di una azienda stanno subendo accelerazioni impreviste e improvvise. Dallo scandalo Hacking Team all'onda di Cryptolocker la gestione, la protezione, la tutela del patrimonio informativo, dell'identità della propria impresa e dei dipendenti è ormai una sfida spesso difficile da definire per dimensioni e portata. 

Una sfida che per il mondo del Canale ICT, alla luce dei nuovi approcci al tema della sicurezza e alle nuove soluzioni disponibili.  Gestire la sicurezza informatica è una sfida per ogni tipo di azienda.

Ma quali sono le risposte giuste da dare a chi oggi cerca protezione per informazioni critiche e infrastrutture di rete?  

Il ransomware si è imposto come una delle minacce più odiose per la sicurezza dei dati sensibili delle aziende. È una tecnica di attacco nuova e singolare: gli hacker non rubano i dati, ma li tengono in ostaggio. Se hai la sfortuna di visitare il sito sbagliato, il tuo computer viene infettato da malware che cripta l'intero disco fisso. Per sbloccarlo devi pagare un riscatto in bitcoin online a un criminale anonimo che ti invierà la chiave per decriptare i dati. Atroce?  Sicuro.  Spaventoso?  Certamente, ma non lo deve essere per forza. Il modo più semplice per combattere il ransomware non consiste nell'adottare un arsenale di misure di sicurezza, ma semplicemente nell'affidarsi al caro vecchio backup. Se un dipendente subisce un attacco di ransomware, è sufficiente ripristinare la copia di backup del giorno precedente della sua macchina e farsi una risata alle spalle dell'aspirante rapitore. Forse hai già realizzato che il backup nel cloud è un'ottima difesa dagli attacchi di ransomware e sei pronto per fare una prova. Se è così Provalo certamente questo investimento non potrà che migliorare la percezione di sicurezza di tutta lì azienda.  Non c'è ragione che il ransomware ti impedisca di dormire visto che una soluzione di backup nel cloud è una difesa semplice e a prova di bomba. Scopri subito come dire no all'estorsione online con le nostre offerte informative.
«Una offerta di security dalle normative ai rischi da evitare fino all'evoluzione dei modelli organizzativi”.  Introducendo tutte le soluzioni di Network Security, Email Security, Endpoint Security, Content Security e Mobile Security, così da proteggere  con efficacia le infrastrutture IT sempre più complesse e convergenti.  L’obiettivo  è: consolidare il nostro percorso come provider di soluzioni di sicurezza, in particolare in ambito enterprise, approfondendo le competenze e le soluzioni offerte nello scenario della Cyber Security.  Fornendo, attraverso un sistema innovativo, un significativo incremento della sicurezza Informatica, potenziandola e migliorandola, a fronte di una crescente richiesta di architetture sempre più evolute a livello di intelligence rispetto alle minacce che il mondo della sicurezza di rete affronta»

HACKER

   Sistemi di Sicurezza e protezione:

 La sicurezza è da oltre 15 anni l’area di business dell’ IT in costante sviluppo e ampliamento. Sempre più dati e beni transitano sulle reti, sempre maggiore è la domanda di protezione, sempre più alto il rischio a cui un’azienda non protetta adeguatamente si sottoponeDupli C.A.R. srlpropone le soluzioni più moderne, più qualificate per fornire alle aziende la sicurezza necessaria.
Trojanmalware e finti antivirus. Solo un software aziendale certificato può proteggere i dati dei tuoi PC e Server!  La minaccia dei virus informatici è sempre in agguato.   Nella Top Ten dei virus più in circolazione, il Trojan.Win32.Generic (Il più diffuso in assoluto) a far vacillare la nostra sicurezza in rete. Il report evidenzia anche come la tecnica dei finti antivirus (o antivirus fake) sia ancora quella più utilizzata dai criminali informatici per attaccare i nostri server e client. Ecco perché non è mai un bene fidarsi di programmi antivirus "gratuiti", inviati per lo più attraverso mail di spam e contenenti link dannosi per la vulnerabilità dei nostri sistemiPer proteggere al meglio il proprio lavoro, e ancora di più quello di un'azienda, è necessario dotarsi di un software antivirus aziendale certificato, creato da professionisti nello sviluppo di software dedicati alla sicurezza, in grado di rilevare e prevenire minacce ed analizzare i possibili rischi. Assicurarsi che sia sempre aggiornato con le definizioni più recentiVerificare che il Sistema Operativo, le patch dei software applicativi siano aggiornateConfigurare firewall sia in entrata quanto in uscita sul PC di ogni utenteLe aziende dovrebbero prendere in considerazione queste precauzioni per assicurarsi di non cader vittime di criminali informatici ai quali basta solamente di una minuscola falla di sicurezza per entrare nella rete e prendere in ostaggio gli asset aziendali. Per difendersi contro i questi exploit che non vengono rilevati da convenzionali soluzioni antivirus, Una nuova tecnica di sicurezza permette di isolare i file dannosi prima che entrino in rete in modo che l'infezione accidentale non si verifichi. Questa tecnologia apre i file sospetti che arrivano via email e controlla il loro contenuto in un ambiente virtualizzato noto come 'sandbox'. I file viengono monitorati in tempo reale per registrare qualsiasi comportamento insolito. Se il comportamento del file risulta sospetto o potenzialmente dannoso, questo viene bloccato e messo in quarantena annullando il rischio che possa causare danni. 
Il RansomwarePuò crittografare permanentemente i file aziendali, a meno che non si paghi per riaverli. Ultima, e tremendamente efficace, ad aggiungersi nella categoria delle minacce telematiche è quella che prende il nome di Ransomware. Oggi, i criminali informatici usano una forma di malware conosciuta come Ransomware per chiedere ‘o i soldi o i file’, ricattando le aziende, trattenendo in ostaggio i loro PC o dati e richiedendo un pagamento economico per il rilascio. 
                                                      

Ransomware

Il Ransomware può provenire dall’apertura di un allegato malevolo in un’email, da un clic su un pop-up ingannevole o semplicemente dalla visita di un sito web compromesso. Il Ransomware lock-screen, come suggerisce il nome, provoca il ‘congelamento’ del PC visualizzando, un messaggio con la richiesta di riscatto del criminale, rendendo il computer inutilizzabile fino a quando il malware viene rimosso. [L’interfaccia del ransomware fa apparire un orologio con un conto alla rovescia di tre giorni che avvisa gli utenti del tempo a loro disposizione. Allo scadere del tempo, la chiave privata di decifrazione verrà eliminata per sempre e non sarà più possibile recuperare i file crittografati].

Ransomware CryptoLocker

Anche se Ransomware CryptoLocker venisse rimosso subito, i file rimangono cifrati in un modo che i ricercatori ritengono inviolabile. [Molti dicono di non pagare, ma non offrono alcun modo per recuperare i file. Altri dicono che pagare sia l'unico modo per recuperare i file di cui non si disponga di un backup non compromesso. (Ciò non garantisce che la chiave di decriptazione sia realmente utilizzabile. Capita spesso che, anche pagando il "riscatto" non si riesca a recuperare i dati)]. I backup basati su tecnologia Cloud, oppure Offlinecioè non raggiungibili tramite i percorsi di rete che il malawere seguirebbe nei percorsi di criptaggio, possono rilevarsi estremamente utili per preservare dati che in caso di attacco con Ransomware CryptoLocker possono essere ripristinati. Anche sistemi di backup con dischi rimovibili che, se non contagiati al momento dell' infezione garantiscono il preservamento dei dati salvati durante l' ultimo backup, perdendo solo la sessione di dati elaborati tra l' ultimo backup e l' evento infestante. In oltre sono propedeutiche ad una difesa preventiva le seguenti azioni; usare politiche di blocco degli allegati al gateway di posta o la soluzione di messaggistica. Usare  l’Email Reputation Service.  Usare  la soluzione Anti-Spam (scansione e-mail).  Usare  il servizio di reputazione Web. Usare  il Monitoraggio del comportamento. Usare  prompt che richiedono conferma agli utenti prima di eseguire il programma appena ricevuto. Usare  lo Smart Scan (OSCE, DS, IMSVA, IWSVA, etc.)
Una soluzione reale per fermare i CRYPTOLOCKER:
  1. Installare Kaspersky Internet Security o Total Security per proteggere il PC contro tutte le attuali varianti di CryptoLocker grazie all’esclusiva funzionalità Kaspersky System Watcher
  2. Eseguire aggiornamenti periodici dei software più utilizzati
  3. Fare spesso back up dei tuoi da