Informatica e Servizi ITsezione

Informatica e Servizi IT

 

 
La Legge di Stabilità 2017 riconferma alcuni incentivi fiscali già presenti all’interno di quella del 2016: si fa riferimento al c.d Superammortamento al 140% per l’acquisto di macchinari nuovi in genere, la cui validità viene così prorogata fino al 30 giugno 2018. Il presupposto è che l’ordine d’acquisto risulti esistente entro il 31 dicembre 2017 e saldato per almeno il 20% del suo ammontare. Con questa previsione il costo di acquisizione del bene è maggiorato del 40%.

Spendi denaro per acquisti tecnologici oppure investi nella tecnologia? Se spendi denaro, significa che acquisti tecnologia solo quando è già indispensabile per la tua azienda. Ma se investi nella tecnologia, la situazione è diversa. Significa che pensi a lungo termine e investi in soluzioni convenienti che si evolvono insieme alla tua azienda.  Vent'anni fa un "ordine urgente" si risolveva con una consegna nell'arco di 24 ore e le chiamate fuori orario venivano gestite tramite segreteria telefonica. Oggi, le nostre comunicazioni devono avvenire in tempo reale, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e l'innovazione viaggia alla velocità della luce. In che modo una piccola o media impresa può stare al passo senza ridursi sul lastrico? Il cloud e i dispositivi sono al tuo servizio. La soluzione consiste nella scelta della tecnologia giusta. Le stesse innovazioni che stanno trasformando il mondo degli affari possono diventare gli strumenti da sfruttare per trasformare anche la tua azienda. Sfruttando servizi cloud e dispositivi mobili, puoi adeguarti rapidamente ai cambiamenti e far crescere il tuo business, senza aumentare il budget.
Preparati a crescere; Se la tua azienda è pronta a crescere, non lasciare che la tecnologia ostacoli la competitività. Se i clienti bussano alla tua porta virtuale, apri e rispondi, subito.   Con Office 365 puoi offrire rapidamente a nuovi dipendenti gli strumenti di cui hanno bisogno, senza lunghi processi di distribuzione. Inoltre, grazie al sistema di licenze basato sugli utenti, puoi soddisfare le esigenze della forza lavoro, pagare solo le risorse che utilizzi e supportare praticamente qualsiasi dispositivo mobile.Supera i limiti; Puoi utilizzare la tecnologia anche per estendere il tuo raggio d'azione, lavorare più rapidamente e aumentare la produttività. Tutti sanno che la tecnologia può essere di grande aiuto, così come tutti sono a conoscenza dell'esistenza del cloud, un'innovazione che sta rivoluzionando il modo di lavorare. Ma cosa ha a che vedere la tecnologia cloud con il tuo mondo? Davvero molto.
Libertà nel cloud: per le microimprese, per la TUA impresa; Il tempo è denaro, è una legge universale. Per le piccole imprese ciò è ancora più vero. Quando punti al successo (e al ritorno economico) scommettendo su una visione personale, non ti resta molto tempo o denaro per pensare ai dettagli. Anche se sai perfettamente quanto questi siano importanti per risparmiare.   Le microimprese (da 1 a 9 dipendenti) affrontano ogni giorno sfide impegnative per mantenere l'equilibrio tra pianificazione aziendale ed esigenze IT. Certo, tutti sanno che la tecnologia può essere di grande aiuto. E sei anche a conoscenza dell'esistenza del cloud, un'innovazione che sta rivoluzionando il modo di lavorare. Il cloud ti sembra però un concetto altisonante, una soluzione rivolta alle grandi aziende, molto distante dalla realtà delle microimprese, troppo impegnate a soddisfare i clienti e a far quadrare i conti, senza tempo per i dettagli. Inoltre, ti aspetta un lungo elenco di e-mail da leggere e devi ricordarti di pagare l'affitto. Cosa ha a che vedere la tecnologia cloud con il tuo mondo?
La risposta è: davvero molto.

 Pensata per te; Leggendo offerte o annunci sulla tecnologia cloud, potresti facilmente concludere che si tratti di tecnologia destinata ad aziende di livello enterprise. In realtà, la maggior parte delle soluzioni cloud è stata sviluppata per aziende di qualsiasi dimensione. E, anche se ti potrebbe sembrare strano, grazie alle efficienti e convenienti funzionalità aziendali, l'offerta di applicazioni e servizi cloud è rivolta principalmente alle piccole e medie imprese (PMI).

Considera questi aspetti: come consumatore, hai probabilmente utilizzato il computer per gran parte della tua vita. Installi software, risolvi problemi tecnici e aggiorni programmi quando qualche criptico messaggio ti invita a farlo. Nel frattempo, scrivi anche e-mail, crei file e documenti ed esplori il Web. Come imprenditore, le tue esigenze di produttività aziendale sono aumentate, ma sono aumentate anche le complicazioni, tra cui il numero di computer e applicazioni necessarie per gestire gli acquisti e i dipendenti. La gestione IT, nella tua realtà, ha caratteristiche simili alla sfida di ottimizzazione che affrontano i negozi di grandi dimensioni. Come un grande punto vendita, devi poter ottenere il massimo dai sistemi che usi, riducendo al minimo tempi e costi per l'acquisto e la gestione di hardware e software. 
Utilizzi telefono, tablet, computer di casa e diversi servizi online per essere sempre connesso e organizzato, mentre ti destreggi tra le operazioni quotidiane. I servizi cloud ti offrono la possibilità di centralizzare le applicazioni in un'unica posizione, che non si trova su nessuno dei computer che possiedi. Puoi sfruttare un ambiente cloud sicuro e personalizzato che consente a te e ai tuoi dipendenti di accedere e utilizzare le applicazioni su qualsiasi dispositivo. E soprattutto, la produttività cloud si basa su un modello "a consumo". Paghi solo per i servizi che effettivamente usi. Se hai un'attività contabile o uno studio di architettura con fluttuazioni periodiche di personale, il modello a consumo ti consente di espandere o ridurre i costi per l'utilizzo di software, in qualsiasi momento. Se invece sei il proprietario di un piccolo negozio di fiori, grazie all'accesso mobile puoi registrare gli ordini e aggiornare il piano delle consegne anche mentre ti trovi sul furgone per lavoro e non hai tempo per tornare in sede.
infografica cloud
 Tecnologia cloud: più valore al tuo denaro!  Oggi, l'approccio di investimento più rappresentativo è il cloud computing. Grazie a soluzioni IT aziendali ospitate nel cloud, puoi evitare le spese di capitale elevate associate alla tecnologia locale. Questo vale anche nel caso di spazio di archiviazione aggiuntivo oppure hosting di nuove applicazioni. I costi aziendali inoltre sono più prevedibili grazie a flessibili modelli di abbonamento disponibili per molte soluzioni cloud. Il cloud non rappresenta un cambiamento radicale, una soluzione "tutto o niente". Potresti scegliere di mantenere alcune applicazioni sui server locali e passarne invece altre nel cloud. L'approccio "ibrido" offre la flessibilità necessaria per l'esecuzione delle app e l'hosting dei dati in base ai criteri più adatti alle esigenze aziendali. In locale, nel cloud o in entrambi gli ambienti.
Un ottimo punto di partenza può essere la scelta di soluzioni come Office 365, Microsoft Azure e Windows Server. Utilizzando una, tutte o una combinazione di queste soluzioni, la tua azienda può adeguarsi rapidamente alle variazioni della domanda in modo conveniente. Se scegli l'hosting delle applicazioni nel cloud, Office 365 è in grado di garantire l'accesso alla familiare esperienza Office ovunque ti trovi, dal PC desktop o dal dispositivo mobile. E Microsoft Azure è in grado di offrirti un'infrastruttura cloud interamente gestita per ospitare le app aziendali. Puoi distribuire rapidamente nuove app o trasferirle dai server locali al cloud quando più opportuno.  
 

Quando si va in reteLa prima cosa da fare quando si decide per la rete è, sembra ovvio, rivolgersi a dei professionisti in gamba.

Il tecnico dei computer o dei software non è necessariamente lo stesso che ha l'esperienza per collegare ad uno o più Server i PC e agli apparati necessari al funzionamento di una "rete". Switch, Router, Firewall ecc. Oltre a creare una mappatura corretta dei vari cavi sui Patch. Anche questo può sembrare scontato, ma, spesso si vedono armadi con selve di cavi intricati come liane di una giungla. Quando è così operare senza rischio di compromettere qualche importante servizio è praticamente impossibile!
La professionalità è diversa: occorrono quindi tecnici specializzati in reti. Starà a lui innanzi tutto scegliere tra i diversi tipi di rete, quale Sistema Operativo e tipo di Architettura e servizi andranno configurati. Starà a Voi utilizzatori, sottoporgli tutte le esigenze di lavoro. La struttura dell'ufficio, i diversi livelli di accesso ai dati, le aspettative sulle risposte operative legate alla nuova gestione delle risorse.
Anche se una rete funziona meglio quanto più gli elementi che la costituiscono sono aggiornati sia nell' hardware, nei programmi, dotati di maggiore memoria, corredati di tutte le necessarie strutture di sicurezza e delle policy adeguate. Tuttavia potremo collegare le macchine esistenti (anche se non sono più giovanissime) dopo un accurato esame fatto dal Sistemista atto a verificarne la loro utilizzabilità nel futuro, magari con piccoli interventi di Up Grade dell' hardware, o, introducendo Servizi Cloud che non richiedono nuovo hardware, ma permettono un ulteriore utilizzo di quello esistente poichè non richiedono un potenziamento della struttura fisica della rete esistente. Meno onerosi ed invasivi di una sostituzione integrale. Se è possibile si opta sempre per un intervento a basso impatto. 
Quanto alla scelta del fornitore , meglio sarebbe rivolgersi a quelli che hanno ricevuto regolari certificazioni dalle maggiori aziende del settore, attraverso corsi formativi specializzati. Il know How non lo si inventa e nemmeno si acquisisce senza specifici percorsi guidati da chi fa l' informatica.  E' il vecchio adagio che cita : nessuno nasce "imparato" !

 

Le reti aziendali sono sempre più simili a catene di montaggio, dove coesistono potenti server , dispositivi di rete e servizi specializzati per ogni funzione.

 

I principali obiettivi che la DUPLI C.A.R.S.r.l. Si pone sono:   

  1. Integrazione delle reti locali con le reti geografiche, con Internet e con utenti mobili e Cloud.

  2. Integrazione dei cablaggi e dei dispositivi di trasmissione per voce/dati/video.

  3. Integrazione di vari tipi di dati (dati multimediali) e dei servizi (trasmissione dati, posta elettronica. fax, telefonia). 

  4. Miglioramento delle prestazioni e della sicurezza delle reti e la semplificazione della gestione.

Per questi motivi  Dupli C.A.R. S.r.l lavora in partenership ed altricon

 


 LenovoHeader    PC_Market_Leader

 2017_Lenovo BP emblemthinkcenter-m97-desktop.JPGT70-10066-chicklet00x-aaT70-120016-mainv01-dwLen_Services_1

Gentile Partner

Come avrai saputo, a luglio gli analisti IDC e Gartner hanno reso noto che Lenovo è la società produttrice di PC n.1 al mondo. E' un traguardo storico – che non avremmo mai potuto raggiungere senza Business Partner come Voi. Per questo Ti ringrazio, per il tuo sostegno e la tua fedeltà come nostro Partner.

E le buone notizie non si fermano qui: anche nell'area EMEA (Europa Medio Oriente e africa) secondo i dati preliminari di IDC Lenovo continua ad aumentare la sua quota di mercato, arrivando al 13.4% (dall'11.8% dello scorso trimestre), rafforzando così la posizione di n.2 già acquisita. In un mercato che continua a descrescere (-22%, stando alle ultime cifre), Lenovo è il solo vendor con una crescita positiva anno su anno (+19%). La collaborazione con Voi è certamente tra i fattori chiave di questi risultati.

Nel continuare sulla strada intrapresa, desidero assicurarti che il nostro impegno per il successo della nostra partnership non cambierà: il nostro obiettivo rimane quello di continuare a crescere - e al contempo creare ulteriori opportunità per il nostro business comune.

Grazie a una crescita bilanciata in tutti i segmenti di mercato – dal business professionale a quello consumer – sono convinto che abbiamo creato solide basi per crescere ancora nel mercato del PC, ma anche nel business del cosidetto PC+ (che comprende anche tablet e smartphone).

Certo, la posizione di leadership nei PC potrebbe certamente ancora fluttuare, nei prossimi trimestri. Ma sono certo che nel mercato globale dei PC c'è ancora spazio per una crescita redditizia e per un'innovazione sostenuta, per tutti noi – e che Lenovo continuerà a produrre e distribuire i migliori prodotti e servizi anche negli anni a venire.

In questo momento per noi storico, volevo ritagliare un momento per ringraziarti del tuo sostegno. Se siamo diventati i n. 1 è anche grazie a Te, e a tutti i nostri Partner.

Grazie ancora,

Mirko Poggi 
Amministratore Delegato
LENOVO ITALIA


Lenovo si compra i server IBM (gli x86)

Il mondo dell’informatica è di fronte ad un nuovo cambiamento di baricentro. Lenovo, dopo aver acquisito anni fa la divisione pc di IBM ora si è presa un altro importante pezzo di Big Bluetutti i server x86, ovvero quelli con processore “PC”. Si tratta di una novità destinata a far rumore. IBM continuerà nella sua strategia di concentrarsi solo sui business a più alto valore, mentre Lenovo corre verso la vetta dei produttori hardware, non solo PC ma anche in ambiente server. IBM manterrà i server della serie Z (mainframe), i Power System, gli Storage System e tutta la linea PureSystem. Continuerà a sviluppare il suo software per piattaforme Windows e Linux. Lenovo, contestualmente a questa acquisizione, ha stretto un accordo Oem con IBMla quale continuerà a fornire i software per i server x86.Il prezzo d’acquisto previsto è di 2,3 miliardi di dollari (di cui 2 miliardi in liquidità e il rimanente in azioni Lenovo). 7.500 dipenditi IBM passeranno al brand cinese. “Questa acquisizione dimostra la nostra volontà di investire in are che possano incrementare la nostra crescita seguendo la strategia che abbiamo chiamato “PC Plus” – ha dichiarato Yang Yuanqing, chairman and CEO di Lenovo – con la giusta strategia, operazioni ben eseguite, innovazione continua e un forte impegno nel mondo x86 siamo convinti di poter crescere con successo anche nel lungo periodo, come abbiamo fatto con i PC”. Da parte sua Steve Mills, Senior Vice President and Group Executive di IBM Software and Systems ha dichiarato che “questo disinvestimento permette a IBM di focalizzarsi sull’innovazione del software e dei sistemi in grado di portare nuovo valore strategico al nostro business come il cognitive computing, big data e cloud”.

motorola mobility lenovo home Motorola Mobility Acquistata Da Lenovo news  motorola Lenovo google     Lenovo si è comprata anche Motorola da Google

Lenovo è diventata un colosso assoluto dell’hardware. Dopo aver acquisito la divisione IBM dei server pc, ha annunciato adesso l’acquisizione per quasi 3 miliardi di Dollari di Motorola da Google. L’accordo prevede il pagamento di $2,91 miliardi di cui 1,41 versati alla chiusura dell’accordo(660 milioni in contanti e 750 in azioni Lenovo). Il resto verrà pagato nel corso dei prossimi 3 anni. La multinazionale cinese si porta in casa così tutto il portafoglio di prodotti Mobile di Motorola, compresi i famosi Moto X and Moto G, i brevetti invece rimarranno a Google. Una delle ragioni che può aver spinto Googla vendere Motorola così in fretta è Samsung ovvero la volontà di Big G di fare pace con Samsung e non avere in casa un concorrente del suo principale partner Hardware. Per Lenovo, invece, significa assicurarsi una posizione preminente nel mondo mobile potendo sfruttare le sue fabbriche per economia di scala e rendere il brand più profittevole. Molto soddisfatto Yang Yuanqing, il Ceo di Lenovo che dichiara di aver così acquisito un brand iconico, e come dargli torto.

hp logo

Fondata nel 1939 a Palo Alto, California, dove ha la sede centrale,  HP è la più grande società tecnologica al mondo. HP è impegnata nella realizzazione di tecnologie e servizi innovativi, per aiutare consumatori, aziende ed enti pubblici nella gestione delle sfide e dei problemi quotidiani. Lavoriamo per creare soluzioni ed esperienze tecnologiche semplici, di valore e affidabili, con l'obiettivo di migliorare costantemente il modo in cui vivono e lavorano i nostri clienti, grazie a competenze specialistiche e a un approccio innovativo.

 Hp acquisizione da 1 miliardo. Samsung cede le stampanti

HP Inc. ha chiuso l’accordo per rilevare da Samsung la divisione che produce stampanti per 1,05 miliardi di dollariEvidentemente in Hp sono convinti che si possa generare reddito, anche in un mercato globale in contrazione. 

L’acquisizione “permetterà a Hp di reiventare un mercato da 55 miliardi spiega la compagnia.  In particolare, l’interesse di Hp è per la tecnologia di stampa laser utilizzata nelle fotocopiatrici multifunzione. Per questo motivo “stiamo investendo per introdurre stampanti multifunzioni superiori”. L’accordo punterà molto sull’integrazione della linea di stampanti business di Samsung, inclusa la user experience focalizzata su cloud e mobile, con la nuova generazione tecnologia PageWide di HP per creare “un portfolio di soluzioni con i migliori device e di sicurezza dei dati sul mercato”.

«Questa è la maggiore mossa strategica per Hp», ha affermato il presidente della divisione Imaging Printing & Solutions di Hp, Enrique Lores, aggiungendo che «la separazione delle attività sta funzionando davvero». 

L'acquisizione è la più grande da quando l’anno scorso l' azienda aveva deciso di dividersi in due: Hewlett Packard Enterprise (Hpe) attiva nei servizi e Hp Inc. attiva nella fornitura di  PC e hardware.

Commentando l’accordo, il presidente e ceo di HP, Dion Weisler, torna sulla divisione della vecchia HP in HP Inc. e Hpe. “Ci ha permesso di guadagnare agilità e focalizzarci sull’accelerazione della crescita e sull’innovazione del mercato”. La società, aggiunge Weisler, “lo sta facendo con la stampa 3D” e l’acquisizione della divisione Samsung “ci permette di innovare e creare nuove opportunità di business più efficienti, sicure ed economiche”.

Il passaggio del business printing di Samsung in HP porterà a Palo Alto un portafoglio di oltre 6.500 brevetti e una forza-lavoro di circa 1.300 tra ricercatori e ingegneri.

L’accordo chiuso con Samsung rilancia il ruolo del colosso di Palo Alto che, dopo aver provato l’anno scorso a rinforzare la propria presenza nei settori  PC, Tablet e Smartphone per le imprese, torna a concentrarsi sul business delle stampanti. Un settore che conosce bene e che ha contribuito a fondare. L’obiettivo dell’azienda, che ha chiuso in utile il terzo trimestre, sembra essere quello di potenziare la propria presenza nel mercato delle fotocopiatrici e delle stampanti per uffici, dominato da big specializzati del calibro di RICOH e Xerox.

L'affare dovrebbe concludersi in circa 12 mesi. 


             

HP roliant-Gen9_SVR

HP_MO_209437_C9E49AT hp_PC-Desk top
U7935E HP CarePack hplaserjet_1 HP-Compaq-6000-Pro-All-in-One-PC-for-Business
HP Notebook HP-geuine Toners Elite x2 1012 2in1 lap top

HP-signature-v1-484x131px1

 

Gentile Partner

 Ecco un’opportunità per incrementare il suo business.


HP sceglie di investire e di crescere con i propri partner, che sono da sempre il punto di incontro con il mercato.

Lei conosce i suoi clienti, noi sappiamo come aiutarla. 
Ecco perchè nasce l’HP Partner Program: per sviluppare una relazione sinergica, per contribuire alla crescita del business e per offrire strumenti di lavoro utili al raggiungimento della "Total Customer Experience", ovvero la massima soddisfazione del cliente lungo tutto il percorso di selezione, acquisto e gestione della tecnologia.

Il mio desiderio è di crescere insieme per offrire soluzioni migliori!


Grazie di aver scelto di lavorare con noi.

 
Marco Lanfranchi  

Channel Director Printing and Personal Systems HP Italia