RIAPRIAMO IL 10 DICEMBRE

dopo la distruzione dell'alluvione, ci siamo rimboccati le maniche e stiamo tornando.

Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti quelli che i hanno aiutato!!!

 

Creato nel 1989, ristrutturando un vecchio mulino a pietra in disuso, fu aperto al pubblico nel luglio 1990.

Già da allora le priorità furono l’accoglienza, la buona cucina tipica piemontese, la genuinità e la semplicità.

Nel novembre 1994, sfortunatamente, il locale fu inondato dalla piena del fiume Tanaro che dista a mala pena poche decine di metri. Fu allagato e riempito di fango e detriti fino all’altezza della finestra del primo piano della struttura.

La rinascita fu molto difficile e pesante, ma fu possibile, grazie all’immensa forza e tenacia dell’allora proprietario Garelli Andrea e di tutte le persone che lo aiutarono.

Completata la ricostruzione, fortunatamente il lavoro riprese, ed il Vecchio Mulino tornò alla vita di sempre:  accogliendo sposi, comunioni, Cresime, cene di leva, battesimi etcc…..

Nell’ottobre del 2000, il fiume Tanaro si fece nuovamente sentire, portando danni materiali e morali in quantità, senza però scoraggiare il Vecchio Mulino che si riprese alla grande!

Nel 2001 i due giovani Roberto e Monica decisero di rilevare una piccola parte dell’azienda, per poter “coccolare ” il cliente e per migliorare sempre di piu la sua permanenza e rinnovando i vecchi sapori di una volta. 

Nel luglio 2008 l’intero Vecchio Mulino fu rilevato completamente da Monica e Roberto.

Nonostante l’era della crisi economica che colpisce il nostro paese, il Vecchio Mulino cerca di andare sempre in contro ad ogni esigenza e possibilità del cliente, garantendogli  autenticità e soddisfazioni.

La sera abbiamo il bracere acceso sul quale cuociamo ottima carne di vitella piemontese, suino, tomini ...ecc...il menu è alla carta

 

Continua..